Scelta Cookie

Galleria Home

Gentile Cliente, la informiamo che la sede operativa sarà chiusa per ferie dal 1/08/2019 al 1/09/2019. Gli ordini sul sito effettuati in tale periodo verranno regolarmente elaborati e spediti durante il mese di agosto. Per qualsiasi tipo di informazione o richiesta rimaniamo a disposizione alle e-mail amministrazione@sviluppocognitivo.it e direzione@sviluppocognitivo.it  o al numero di telefono +39 3345231470. 

LOGHI E SOCIAL

                    
Impara ad imparare.
#sviluppocognitivo

Corso P.A.S. STANDARD II livello - Metodo Feuerstein

Corso PAS STANDARD II livello  Metodo Feuerste

Il corso ha 45 ORE DI LEZIONE PER I GRUPPI  + 30 ORE DI TIROCINIO OBBLIGATORIO  PER  IL PERCORSO DI CPD DEL FEUERSTEIN INSTITUTE a completamento del corso (vedi disposizioni allegate del FEUERSTEIN INSTITUTE).

La nostra Cooperativa Sociale è un Centro Autorizzato Feuerstein e possiede ambienti di tirocinio per il percorso CPD autorizzati dal Feuerstein Institute. 


Puoi anche consultare per la tua formazione questa nostra pagina: https://www.sviluppocognitivo.it/argomento/consulenza-on-line-sul-metodo-feuerstein.html

Strumenti P.A.S. solitamente oggetto di formazione del II livello a 5 Strumenti :

  • Classificazioni
  • Relazioni Familiari
  • Relazioni Temporali
  • Orientamento Spaziale II
  • Istruzioni

Iscrizione/Scheda del Corso


Breve descrizione degli Strumenti:

1. Classificazioni

La classificazione e la categorizzazione dei dati è alla base di tutto il lavoro proposto dallo Strumento. Viene per questo insegnata l’abilità di categorizzare. Nella categorizzazione si passa dal semplice stabilire delle relazioni tra singoli elementi ad una proiezione di tali relazioni in concetti più ampi (=le categorie). La categorizzazione si basa su alcune operazioni: differenziazione, confronto e discriminazione. L’induzione serve per scoprire la regole dell’insieme, la deduzione serve per applicarla. Lo Strumento porta inoltre ad analizzare come attribuire l’appartenenza di un elemento ad un dato insieme. Per fare ciò bisogna focalizzare l’informazione rilevante e trovare la regola che consente di assegnare il nuovo stimolo o la nuova esperienza alla categoria appropriata. Tale difficoltà può essere in relazione con la percezione confusa e generica e anche con conoscenze insufficienti.

2. Relazioni Familiari

La parentela è un mezzo per insegnare relazioni verticali, orizzontali, reciproche, simmetriche e asimmetriche, gerarchiche.  Lo Strumento porta anche all’approfondimento delle condizioni che consentono l’inclusione o esclusione da categorie. La famiglia (come soggetto dello Strumento) è stata scelta per insegnare relazioni elaborate a livello astratto che possono essere generalizzate. La prensione episodica della realtà viene superata attraverso la proiezione di relazioni tra due o più elementi. Il sistema delle relazioni prevede anche lo stabilire relazioni spazio-temporali. Nello Strumento vengono anche proposti esercizi di analisi di due o più proposizioni che devono essere unite per raggiungere una conclusione o decidere se un’affermazione può essere vera o falsa. Le operazioni mentali più sollecitate sono il pensiero inferenziale e ipotetico, il pensiero analogico i ragionamenti deduttivo e induttivo.

3. Relazioni Temporali

Lo Strumento vuole sviluppare la capacità di registrare, ordinare e creare processi nelle relazioni temporali. Deficit in tali abilità possono essere imputabili ad una prensione episodica della realtà, alla percezione confusa e generica degli stimoli e alla difficoltà di percepire e proiettare relazioni virtuali. Misurare il tempo attraverso intervalli che riguardano delle unità è uno degli approfondimenti dello Strumento. Il tempo è un elemento astratto e di conseguenza le unità temporali non possiedono elementi sensoriali, per questo la loro manipolazione risulta difficile. Di conseguenza funzioni cognitive come il comportamento sommativo ed operazioni mentali come la quantificazione, l’ordinamento, la seriazione e la categorizzazione delle unità di tempo risultano complesse in quanto riguardano relazioni e non oggetti. La misurazione del tempo può avvenire attraverso la sua divisione in intervalli. Viene altresì proposto il confronto fra tempo, distanza e velocità. Sono contenute riflessioni sul passato, sul presente e  sul futuro universale e personale, distinzioni sul tempo oggettivo e sul tempo soggettivo (quando il contenuto del tempo è piacevole il tempo scorre veloce: riflessione sul tempo come dimensione), distinzioni tra relazioni causa/effetto e relazioni casuali (eventi sincronici e asincronici), tra divisione del tempo naturale e divisione del tempo artificiale. Si discute su come seguire una sequenza dall’inizio alla fine, come pianificare secondo obiettivi a breve/lungo termine (considerare il passato può essere una strategia per pianificare il futuro). Si analizza il tempo come una realtà irreversibile. Il tempo può essere organizzato in ritmi, cicli, sequenze, ordini temporali, successioni. Infine è proposto un confronto fra qualità e quantità del tempo.

4. Orientamento Spaziale II

Lo Strumento è una presentazione dei punti cardinali come un sistema stabile di riferimento assoluto integrato con un sistema di riferimento relativo (destra, sinistra, davanti, dietro). I punti cardinali sono un modo oggettivo, stabile e universale per descrivere i luoghi. Nello Strumento si insegna quindi a descrivere una posizione nello spazio in modo preciso utilizzando  punti cardinali. Si sollecita l’utilizzo della rappresentazione mentale nelle relazioni spaziali e lo sviluppo del pensiero divergente nella ricerca di varie alternative per il raggiungimento di un obiettivo. Viene anche incoraggiata la cooperazione tra pari e la comunicazione negli esercizi a due e la capacità di gestire delle istruzioni in sinergia con altri. Come in Orientamento Spaziale II, c’è lo sviluppo del bisogno di flessibilità, plasticità e conseguente riduzione dell’egocentrismo. Infine lo Strumento lavora sulla produzione di relazioni attraverso il coordinamento e la deduzione di dati.

5. Istruzioni

Particolare importanza viene attribuita agli aspetti verbali dello Strumento: la lingua è lo strumento per codificare o decodificare informazioni. Viene anche sollecitata la padronanza di certi termini utili per dare o ricevere istruzioni (ad es. termini spaziali o riguardanti figure geometriche o concetti di geometria); passare da una modalità grafica ad una modalità verbale e viceversa di codifica e decodifica dell’istruzione. Si analizza il tema dell’uso del comportamento di pianificazione (es. stabilire una sequenza nell’esecuzione di istruzioni) e del controllo dell’impulsività nelle risposte. La persona viene aiutata ad effettuare un confronto costante di varie parti di informazione, all’interno di un’istruzione: tali richieste del compito affinano la percezione rendendola attiva, migliorano la focalizzazione e l’esplorazione, consentono la distinzione dei dati rilevanti da quelli irrilevanti; si ichiariscono le ambiguità attraverso l’osservazione degli indizi rilevanti che le compongono. Si sollecita l’abbandono delle modalità egocentriche di comunicazione che non favoriscono la comprensione o la comunicazione di istruzioni; l’egocentrismo può portare ad una rigidità cognitiva e ad un’incapacità di valutare l’esistenza di altri metodi per mettere in atto un’istruzione. Un’altra sollecitazione riguarda il bisogno di precisione nelle attività di codifica e decodifica delle istruzioni. Si impara a valutare la differenza fra istruzioni semplici e istruzioni complesse.

Il materiale che serve per il corso è il seguente: matita, matita gialla, gomma, penna, quaderno, raccoglitore per schede A4 che verranno date durante il corso.

Testimonianze

dicembre 2017:
Questo percorso di studi con voi è un piacere, stiamo macinando e assimilando novità importanti per la nostra vita professionale e personale. D. S.
aprile 2015: 
Ciao Nicoletta,  (...) volevo dirti che ho fatto il secondo livello PAS a Milano con ...... Mi sembrava quasi di “tradirvi” ma il motivo è sempre lo stesso: la vicinanza e la comodità con i mezzi pubblici… Comunque il primo corso Feuerstein non si scorda mai! Sto lavorando tanto in questo periodo con il PAS: ho 2 gruppi delle medie e uno delle elementari, una coppia di deliziose bambine e la settimana prossima parto con un altro bambino tutto da scoprire.
Rimane sempre la mia gratitudine per voi, per te in particolare, per avermi fatto scoprire e amare questo metodo.
Grazie e a  presto ciao. G.

luglio 2013: Gentilissima Nicoletta,
Si è concluso (...) il nostro corso pas e desidero condividere con te alcune mie riflessioni "a caldo".
Vorrei che ti giungesse la mia piena gratitudine per l'occasione che avete saputo offrirmi con molta professionalità e precisione. Adesso mi sento più sicura su alcune cose, in primo luogo che la scelta da me fatta vari  mesi orsono circa la validità del metodo e' fondata.
Ho apprezzato tantissimo l'entusiasmo, l'ottimismo e la volontà di cambiare alle radici i processi che tu, con estrema semplicità, hai saputo trasmettermi. Il fatto di metterti costantemente come esempio di ciò che si può fare e di come lo si può fare, veicola atteggiamenti più consapevoli e maturi, soprattutto in un'insegnante come me che ha da un po' sperimentato la frustrazione e l'insuccesso delle proprie metodologie. Ho tanta voglia di rimettermi in gioco e di rivedere molte modalità scorrette del mio operato quotidiano. Ho maggiore mordente nel presentare i contenuti del mio lavoro, che in questo momento mi appaiono affascinanti e guardo con uno stupore tutto infantile l'universo che mi si apre davanti. Non credo si tratti di una casualità il fatto che, al primo livello pas, io non abbia avuto questa reazione positiva.
Grazie, dunque, e sicuramente arrivederci al prossimo step che non mancherò di affrontare visto che adesso mi sento più coinvolta di prima.
Un complimento rivolto anche a E.: raramente mi è capitato di incontrare una ragazza così giovane ed al contempo così preparata e competente. Le auguro di proseguire con successo i suoi studi, perché francamente ha un bagaglio di esperienze così significativo che potrebbe arricchirla ulteriormente.
Ti rinnovo la mia disponibilità al tirocinio anche per il pas 1, perché desidererei sperimentare meglio quello che ho appreso ( o non appreso) nel corso fatto presso l'altro centro di formazione. (...)  Ti auguro di trascorrere serene vacanze con tutta la tua famiglia.
Arrivederci e grazie ancora, I.

marzo 2013
Sono molto felice della scelta che ho fatto di svolgere l'ultima parte del Feuerstein con voi/te.
Grazie ancora di cuore. A. 

 

REGOLE DEI CORSI PAS STANDARD/BASIC VALIDE DAL 2013 PER TUTTI I CENTRI AUTORIZZATI METODO FEUERSTEIN DEL MONDO


45 ORE LEZIONE + 30 ORE DI TIROCINIO OBBLIGATORIO  PER OTTENERE L'ATTESTATO DEL FEUERSTEIN INSTITUTE DI MEDIATOR ATTRAVERSO IL PERCORSO CPD : vedi disposizioni allegate del FEUERSTEIN INSITUTE - English version. A conferma del tirocinio obbligatorio vedi punti 3a e 3c del PDF sottostante "QUALIFICATION CONDITIONS",  e  pdf  "REGOLE CPD", punto 3 del paragrafo "Prerequisites for accreditation as a FIE Mediator").

Da riportare firmata al corso la disposizione copyright e CPD sotto scaricabile in pdf per chi desidera ottenere l'attestato di Mediator che la nostra Cooperativa Sociale, in qualità di Centro Autorizzato alla Formazione Feuerstein, trasmetterà al Feuerstein Institute scannerizzata via mail firmata.

Il corso PAS STANDARD/PAS BASIC senza il CPD non  prevede l'attestato da parte del Feuerstein Institute. 

La nostra Cooperativa Sociale, consentendo la partecipazione al corso a TUTTI COLORO CHE VOGLIONO CONOSCERE IL PAS  STANDARD/BASIC (genitori, professionisti di ogni genere, ecc...), rilascia una certificazione di partecipazione al corso come solo percorso conoscitivo del PAS STANDARD/BASIC prescelto attraverso il quale si può effettuare, in un secondo momento, il percorso CPD richiesto dal Feuerstein Institute, pagando la relativa quota di partecipazione al CPD al nostro Centro  per la richiesta dell'attestato di Mediator al Feuerstein Institute.

Il corso PAS STANDARD/PAS BASIC con il CPD prevede invece l'attestato del Feuerstein Institute di Mediator.  Il costo del corso PAS STANDARD/BASIC prescelto completo di CPD include l' attestato del Feuerstein Institute di Mediator.

La frequenza ad ogni  corso PAS STANDARD O BASIC successivo al primo frequentato vale come un'annualità di CPD.

La nostra Cooperativa Sociale possiede ambienti di tirocinio riconosciuti dal Feuerstein Institute per il rilascio dell'attestato di MediatorPer informazioni clicca qui




ISCRIZIONE AL CORSO
Per avere avere maggiori dettagli e per iscriversi al corso, clicca sul prodotto con o senza attestato nella sezione "prodotti correlati" in fondo a questa pagina.SalvaSalva
Video correlati
Un esempio di una pagina di Classificazioni


Aiuta anche tu la COOPERATIVA
e i suoi progetti

Donaci il tuo 5 x MILLE, per noi è un grande aiuto per crescere.

CODICE FISCALE  06972390964

Per NATALE scegli i nostri Panettoni e Pandori Artigianali e SOLIDALI.

Per PASQUA scegli le nostre Uova e Colombe Artigianali e SOLIDALI.

Acquista una GUIDA dallo shop e sostieni i nostri progetti.


Seguiteci sui social

Segui la Cooperativa sui Social Network!

Profili D.ssa Nicoletta Lastella
                
Profili CSDAC Sviluppo Cognitivo
                    
 








 

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente Sito Web, ivi inclusa la riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di Centro per lo Sviluppo delle Abilità Cognitive Coop. Sociale.



Centro per lo Sviluppo delle Abilità Cognitive Coop. Sociale | Privacy Policy P.IVA: 06972390964

Normativa Resi e Rimborsi | Condizioni generali di vendita | Spedizioni e consegne | Assistenza clienti


Web Engineering by Wonderarts - Sviluppo Cognitivo Copyright ©, Tutti i diritti riservati.